Allattamento materno: la mia esperienza

Mia madre è una grande sostenitrice dell’allattamento al seno, per anni ho ascoltato i suoi racconti riguardo alla sua esperienza.

Mi ha fatto capire quanto sia importante l’allattamento.

Per questo ancor prima di diventare mamma era già fortissimo dentro di me il desiderio di voler allattare il mio bambino.

Desideravo poter provare le stesse emozioni di cui lei mi parlava e speravo di poter creare con il mio bambino quel legame così forte che lei aveva creato con noi.

Ma principalmente speravo di poter allattare il mio bambino per l’importanza che ha il latte materno nei primi mesi di vita.

 

Il latte materno infatti è l’alimento ideale per la crescita e la salute del bambino durante il primo anno di vita.

È composto da nutrimenti fondamentali come:

Proteine ,Zuccheri ,Grassi ,Minerali e vitamine , inoltre ha grazie alle sue proprietà biologiche un’azione immunoprotettiva verso le malattie,

Ed è per questo che non esiste alimento più completo e adatto a far crescere bene un bambino nei primi mesi di vita.

Anche se a volte ci possono essere degli impedimenti

 

  • Se allattare provoca dolore;
  • Se la mamma ha scarsa produzione di latte;
  • Per rare controindicazioni mediche ;
  • Se la mamma è malata e assume farmaci che in qualche modo inquinano il latte;

 

Soprattutto in questi casi, è bene sentire il parere del pediatra.

 

Mellin  offre una gamma di latti specifici ideati per ogni esigenza nutrizionale o fase della crescita del bambino.

L’allattamento artificiale è molto spesso per le mamme una scelta difficile, date le benefiche proprietà del latte materno, ma quando questo manca è fondamentale farsi supportare dal pediatra così da avere la certezza di aver fatto la scelta giusta.

Perché si sa i bambini sono come spugne, assorbono tutto quello che li circonda è così anche i loro pancini.

Per questo è di fondamentale importanza seguire l’indicazione del pediatra nella scelta del latte, così che il bambino possa assumere nutrimenti necessari per diventare grande.

Partendo da questo concetto Mellin, che da sempre accompagna i genitori nei momenti di crescita del bambino offre una gamma completa di latti di proseguimento e latti crescita con adeguato apporto nutrizionale.

La gamma è caratterizzata da una combinazione esclusiva di probiotici Gos-Fos in proporzione 9.1

Una miscela di galatto-oligosaccaridi (Gos) e di frutto-oligosaccaridi (Fos) che favorisce l’equilibrio della flora intestinale.

 

 

La gamma di latti Mellin include:

 

  • Latte crescita 3 .

Adatto a partire dal dodicesimo mese di vita con l’aggiunta di ferro che contribuisce al normale sviluppo cognitivo e inoltre fonte di calcio e vitamina D, che contribuisce al normale sviluppo di ossa e denti, infine fornisce un apporto bilanciato di proteine.

 

  • Latte crescita 4.

Con calcio e vitamina D, per il sano sviluppo di ossa e denti adatto ai bambini di età compresa tra due/ tre anni.

 

 

Il latte crescita Mellin può rappresentare un valido aiuto per bilanciare la dieta del bambino, sentito il parere del pediatra

 

LA MIA ESPERIENZA PERSONALE

Quando sono diventata mamma tutte quelle aspettative e idee che mi ero fatta sull’allattamento grazie ai racconti di mamma sono crollate.

 

Sara e Carla sono nate premature. Non è stato subito possibile creare quel legame che sognavo,

E soprattutto l’allattamento non è stato come immaginavo.

Riuscire ad allattare due bimbi nati di 33 settimane non è stato facile ma non impossibile.

Infatti nonostante i vari ostacoli per un periodo ci sono riuscita.

 

Il primo ostacolo senza dubbio è stata la separazione.

Hanno vissuto il loro primo mese di vita dentro l’incubatrice e chi ha vissuto la mia stessa esperienza sa quanto sia difficile allattare a distanza.

Si sa che per un bambino appena nato è fondamentale iniziare a poppare da subito

Ma con i bimbi nati prematuri come Sara e Carla questo non accade quasi mai.

La prima volta che ho allattato direttamente dal seno Sara e Carla stavano per compiere il primo mese di vita.

 

Quel giorno si è presentato l’ostacolo più grande, non erano abituate, non riuscivano a ciucciare e di conseguenza non riuscivano a saziarsi a dovere, in questo percorso Infatti il mio alleato è stato il tiralatte.

 

Dopo diversi mesi Ahimè il latte iniziava a mancare così su consiglio della pediatra sono passata al latte di proseguimento Mellin AR2 con cui ci siamo trovati benissimo.

 

Come vi ho già detto senza dubbio la migliore soluzione è quella di allattare al seno in modo esclusivo fino a 6 mesi,

Si può proseguire anche durante lo svezzamento e se possibile anche dopo l’anno.

 

Ma come nel mio caso è quello di moltissime altre mamme ad un certo punto non è più possibile, ed io a quel punto ho scelto Mellin.

Share